Gli affari in tempo di crsi

Il mercato immobiliare a Genova, dopo anni di crisi nera, finalmente mostra un segno di ripresa. Dietro la leggera crescita di compravendita c’è alla base sicuramente un calo vertiginoso dei prezzi, figlio della crisi. I prezzi delle case sono scesi di quasi un buon 30% negli ultimi otto anni, prezzi dettati dall’ urgente bisogno di liquidità da parte del venditore. 

Le zone dove si sta muovendo qualcosa sono soprattutto Albaro, Quarto, Quinto, Nervo e Castelletto. Ci sono vendite di case Castelletto Genova di grandi dimensioni ed una tipologia abitativa datata. Un più in difficoltà, invece, il mercato di Sampierdarena, Rivarolo, Certosa, Trasta. In certe zone, come Marassi, i prezzi sono crollati. Ad esempio, in una strada come Corso De Stefanis, un appartamento di sei vani, nel 2009, si comprava con circa 190 mila euro. Adesso, la stessa casa ne vale 140 mila. Sicuramente siamo davanti a un eccesso di offerta. Dunque, bisogna riflettere su questa apparente ripresa: perché la diminuzione costante del valore degli immobili porta a un progressivo impoverimento della società.